1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

Estonia

Estonia Lettonia e Lituania: le opportunità

I Paesi del Mar Baltico, quali la  Lituania, Estonia e Lettonia, forse perché troppo lontani geograficamente dall’Italia e non adeguatamente “pubblicizzati”, sono considerati solo in via residuale dalle imprese italiane nei loro progetti di espansione (al contrario di ciò che accade invece per le imprese scandinave, tedesche e inglesi), pur presentando tutti ottime prospettive di insediamento per le nostre imprese ed essendo la porta privilegiata per l’ingresso dei nostri prodotti e delle nostre attività nello sconfinato mondo della Russia. I tre Paesi prima dell’ingresso nell’Unione Europea (facevano parte del gruppo dei dieci nuovi Membri che hanno aderito all’UE il 1° maggio 2004) erano legati tra di loro da un Free Trade Agreement, il BAFTA, in vigore dal 1994 e dissoltosi appunto con l’ingresso nell’UE. I suddetti Paesi hanno dovuto mantenere le proprie monete, in quanto l’euro entrerà probabilmente in corso nel 2008 (inizialmente era stato fissato il 2007), per dar tempo alle autorità monetarie nazionali di attuare le correzioni strutturali necessarie. Analizzeremo brevemente ognuno di questi Paesi, mettendo a fuoco le opportunità per i futuri investimenti delle nostre imprese.

RigaLETTONIA – La Lettonia, grazie alla sua strategica posizione geografica, costituisce per i Paesi dell’Europa occidentale la  principale porta d’ingresso verso gli altri Paesi Baltici nonché verso le zone nord-occidentali della Russia. Questa è una delle principali fonti attrattive del Paese, anche perché grazie ai fondi comunitari sono in corso di realizzazione quelle vie di comunicazione transeuropeee che, da un lato, metteranno in comunicazione diretta Paesi Baltici con l’Europa, si pensi all’autostrada Tallinn-Riga-Vilnius (le tre capitali delle repubbliche baltiche) con prolungamento verso la Germania, attraverso la Polonia; dall’altro creeranno un network stradale con la Russia, si pensi alle superstrade che uniranno le tre capitali baltiche a Mosca. Ma il trasporto si avvale anche del linee ferroviarie che hanno assorbito il 50% del trasporto di merci; il traffico aereo è in costante aumento grazie all’ammodernamento dello scalo di Riga, la capitale, che può vantare caratteristiche di uno scalo internazionale. Fin qui il sistema dei trasporti; per quanto attiene invece i settori in cui la presenza italiana si è sviluppata (non in modo rilevante, siamo il 31° Paese investitore), possiamo citare al primo posto l’industria non mineraria, le  attività di trasporto ed agenzie di viaggio, vendita all’ingrosso e dettaglio, settore alberghiero e della ristorazione. Salvo poche eccezioni, si tratta per lo più di microimprese che hanno fatto investimenti modesti. Per quanto riguarda il futuro e le possibilità di sinergie economiche, segnaliamo un settore in sicura espansione quello dell’edilizia sia commerciale che residenziale; strettamente connesso a questo è il settore del turismo, specie in ambito alberghiero, che vedrà nei prossimi anni la necessità di costruire nuove strutture, visto il costante incremento del turismo.

LE ZONE FRANCHE - Infine, occorre segnalare che la Lettonia possiede due zone franche situate a Lepaja e Rezekne e due porti franchi nelle aree portuali di Riga e Ventspils, in cui le imprese che hanno la sede legale al loro interno beneficiano di alcuni vantaggi fiscali (riduzione della tassazione sui dividendi, sui redditi d’impresa, esenzione IVA per servizi etc.)

TallinnESTONIA – L’Estonia è il più piccolo Paese per estensione geografica dei tre esaminati, ma nonostante ciò fin dalla sua indipendenza ha attratto flussi di capitali esteri di notevole rilevanza (se poste appunto a confronto con  le ridotte dimensioni del Paese). Ciò deve ricercarsi nel clima generale estremamente favorevole agli investimenti dall’estero e, più di recente, allo sviluppo innescato dalle recenti privatizzazioni (settore delle telecomunicazioni). Molto attive, anche nelle esportazioni, sono le società a partecipazione estera della quali oltre il 75% hanno origine, in primo luogo, scandinava (per il 56%) e, in seconda battuta, finlandese (per il 19%). Il ruolo dell’Italia rimane marginale con una quota dell’1%, gli investimenti diretti italiani li rinveniamo nei settori più disparati: nel settore dei prodotti lattiero-caseari, nel settore finanziario e bancario, nel settore turistico alberghiero e nel settore immobiliare e delle costruzioni, nel settore degli apparecchiature scientifiche e di misurazione, macchine utensili etc. Per quanto riguarda le opportunità future continua l’incremento degli investimenti nel settore immobiliare, così come grosse opportunità sono presenti nei beni strumentali e dell’impiantistica oltre che in quelli del tessile, legno, alimentare e dell’ambiente.

Le AGEVOLAZIONI FISCALI - In merito alle agevolazioni fiscali, in Estonia è prevista la detassazione totale dell’utile d’impresa per tutte le società di diritto nazionale, ed in più sono state istituite due zone franche secondo quanto prevede la Legge doganale: una è l’area portuale di Muuga e l’altra è l’area industriale di Sillabe.

VilniusLITUANIA – Infine la Lituania. Il Paese ha scommesso molto sull’attrazione dei capitali dall’estero, favorendo una politica di incentivazione dello sviluppo delle Zone Economiche Speciali che permettono di creare aziende off-shore all’interno del territorio lituano (in particolare a Siuliai, Klaipeda e Kaunas); in queste zone per lo più si investe nel manifatturiero, metalmeccanico, elettronica, industria automobilistica, commerciale e logistica (stoccaggio e distribuzione), servizi, attività bancaria etc. . Per quanto riguarda gli investimenti italiani in Lituania essi rappresentano circa l’1% circa del totale degli IDE nel Paese: solo negli ultimi anni infatti sono state avviate in Lituania alcune importanti iniziative industriali nel settore tessile, del legno, della plastica, delle apparecchiature mediche, e nel settore automobilistico; molte microimprese operano nel campo della distribuzione, con accordi di partnerariato con imprenditori locali. Anche qui l’edilizia si presenta come uno dei settori più dinamici dell’economia negli ultimi anni, specie nella capitale e in alcune delle principali città (Kaunas, la seconda città con l’aeroporto commerciale più importante del Paese).



Other articles in World Press

Ungheria 09 Maggio 2010

Ucraina 09 Maggio 2010

Turchia 09 Maggio 2010

Sud Africa 09 Maggio 2010

Stati Uniti d'America 09 Maggio 2010

- Entire Category -