1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

Albania

L’obiettivo generale della iniziativa Interreg III rimane quello di evitare che i confini nazionali ostacolino lo sviluppo equilibrato e l’integrazione del territorio europeo. Nella comunicazione agli Stati membri del settembre 2004, la Commissione UE afferma che “l’isolamento delle zone di frontiera può avere un duplice effetto: da un lato i confini rappresentano per le comunità di tali zone una barriera economica, sociale e culturale ed impediscono di gestire coerentemente gli ecosistemi; dall’altro, le zone frontaliere vengono spesso trascurate dalle politiche nazionali e di conseguenza le loro economie hanno la tendenza a diventare periferiche nell’ambito dello Stato di cui fanno parte”.

 

 

TiranaL’UNIONE EUROPEA E L’ALLARGAMENTO – Con l’allargamento dell’Unione Europea ai nuovi Stati membri (ora la popolazione è giunta a 490 milioni di cittadini), sono stati varati nuovi programmi di cooperazione transfrontaliera e apportate modifiche per aggiornare i programmi esistenti, al fine di garantire la piena partecipazioni dei nuovi Paesi. Questi programmi promuovono la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale: interessate sono le frontiere e le zone di frontiera tra Stati membri e tra Unione Europea e i paesi terzi; in particolare per il programma di cui ci occupiamo in questa sede, INTERREG Italia-Albania, il mar Adriatico costituisce la frontiera naturale tra i due Paesi. INTERREG/CARDS III A Italia-Albania – Sono stati pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 55 del 12 aprile 2007 gli avvisi pubblici per la presentazione di proposte progettuali relative al Nuovo Programma di Prossimità Interreg/Cards IIIA Italia-Albania 2004/2006 (scadenza 11 giugno). La novità dei bandi pubblicati è costituita dal fatto che per la prima volta gli strumenti di cooperazione esistenti INTERREG e CARDS sono integrati fra loro e coordinati attraverso la creazione di un unico strumento idoneo a sviluppare interventi anche in territorio albanese, denominato appunto “Nuovo Programma di Prossimità (NPP) Interreg / Cards Italia - Albania” (in pratica i fondi saranno attinti oltre che dal contributo FESR, dalle quote del Fondo nazionale di Rotazione (FdR) e della Regione Puglia previste per INTERREG, anche da una quota di compartecipazione del fondo CARDS destinata a finanziare le operazioni da implementare in territorio albanese). ASSI - Gli avvisi pubblicati riguardano l’Asse I (Trasporti, Comunicazioni e Sicurezza) e l’Asse IV (Turismo, Beni Culturali e Cooperazione istituzionale). Dell’Asse I le seguenti misure: 1. Misura 1.1 Trasporti e comunicazioni Azione 2) “Progetto finalizzato per la cooperazione, divulgazione, aggiornamento e sostegno istituzionale allo sviluppo della gestione della domanda di mobilità” 2. Misura 1.2 Sicurezza  Azione 2) “Progetti per attività preventive ed educative per immigrati” Sottoazione 2.1. “Adeguamento strutturale e funzionale” Sottoazione 2.2 “Attività di accompagnamento, formazione ed inserimento sociale e lavorativo” Intervento 2.2.A “Interventi propedeutici di formazione sulle tematiche psicosociali correlate alle migrazioni” Intervento 2.2.B “Intervento integrato di orientamento e formazione” Intervento 2.2.C “Servizio di mediazione linguistica e culturale”; Azione 3) Progetto Microcredito. Per l’Asse IV, la Misura 4.3 Sviluppo della cooperazione istituzionale e culturale, Azione 3 "Centro Italo-Albanese per la ricerca economica e sociale".

SOGGETTI PROPONENTI, AREE AMMISSIBILI, TIPOLOGIA DI PROGETTI  - A seconda degli Assi, I o IV, variano i requisiti per i soggetti proponenti, i progetti finanziabili, l’entità dei finanziamenti; gli interventi previsti da entrambi i bandi dovranno essere localizzati all’interno della Regione Puglia: province di Bari, Brindisi e Lecce e in Albania nell’ intero territorio nazionale. Asse I : i soggetti proponenti c.d. interni (Internal Lead Partner) devono avere sede ufficiale e/o operativa nell’area ammissibile del Programma (province di Bari, Brindisi e Lecce), per l’intera durata del progetto (12 mesi), avere nazionalità di un Paese Membro dell’UE ed essere direttamente responsabili della preparazione e gestione dell’intervento con i loro partners, non soltanto come intermediari. La proposta progettuale deve indicare il proponente esterno (External Lead Partner), responsabile per la gestione dei fondi CARDS e delle attività in Albania. Il Lead Partner Esterno deve essere un soggetto pubblico Albanese. Per l’Asse IV, possono presentare proposte progettuali in qualità di Leader partner Università e Centri diricerca pubblici aventi sede legale nelle province di Bari, Brindisi e Lecce. Altri partners di progetto possono essere soggetti pubblici e/o privati, Enti ed Amministrazioni pubbliche, associazioni senza fine di lucro, ONG. L’Azione 3) della Misura 4.3 prevede la progettazione ed attivazione di un Centro italo albanese per la ricerca economica e sociale con sede in Puglia ed articolazioni territoriali in Albania. L’intervento è finalizzato alla realizzazione di un Centro italo albanese in grado di sviluppare analisi e ricerche di standard internazionale sui temi dell’economia e dello sviluppo in un’ottica di cooperazione tra paesi transfrontalieri.



Other articles in World Press

Ungheria 09 Maggio 2010

Ucraina 09 Maggio 2010

Turchia 09 Maggio 2010

Sud Africa 09 Maggio 2010

Stati Uniti d'America 09 Maggio 2010

- Entire Category -